Iscriviti a caos deterministico via feed

venerdì 10 ottobre 2008

Strategia del silenzio

RATZINGER RESPINGE LE ACCUSE: PIO XII DURANTE LA PERSECUZIONE DEGLI EBREI RIMASE IN SILENZIO PER AIUTARE MEGLIO. ESATTAMENTE COME IL SUO SUPERIORE.
Il testo di questa striscia è di Lovebone.

7 commenti:

  1. Soprattutto non mi sembra che Pio XII riuscì ad "evitare il peggio" ... esattamente come il suo superiore

    RispondiElimina
  2. Dio non fa evitare le cose, alrimenti avrei scampato innumerevoi interrogazioni :)

    Pedone

    RispondiElimina
  3. Non credo che se avesse detto qualcosa sarebbe cambiato molto.
    Certo ti salvi la reputazione ma non è detto che hai un risultato.

    Se vogliamo criticare, critichiamo le azioni.

    RispondiElimina
  4. @Adriano
    "Non credo che se avesse detto qualcosa sarebbe cambiato molto"
    Congettura molto discutibile.
    Nelson Mandela si è fatto 27 anni di carcere per aver tenuto la schiena dritta sui diritti umani in sudafrica. In una situazione molto più difficile e dolorosa di quella Papa Pacelli, frustrata peraltro dal possedere infinitamente meno potere di comunicazione e di persuasione verso l'esterno. Eppure la differenza l'ha fatta.
    Papa Pacelli, secondo l'ottima sintesi di Malvino, era un opportunista che aspettava la fine della guerra e, in attesa di sapere chi la vincesse, stava attento a non pestare i piedi a nessuno.
    Per dire: c'è gente e gente.

    RispondiElimina
  5. @Adriano
    se vogliamo santificare, santifichiamo le azioni

    RispondiElimina
  6. Proprio così. Sono d'accordo.

    RispondiElimina